Possono essere moltissimi i motivi per i quali risulterebbe necessario ricostruire la dinamica di un sinistro stradale.

In mancanza di testimoni, in casi di disaccordo tra le parti o anche per altre ragioni, i sensori GPS possono rappresentare la soluzione.

Il sistema dei sensori GPS può infatti registrare i 40 secondi precedenti ad un impatto e i dieci successivi. Tali sensori sono contenuti nella cosiddetta Black Box (o Check Box), molto simile, nel concetto di base, alle scatole nere degli aerei. L’apparecchiatura è collegata ad una porta diagnostica chiama Odb, la quale rivelerà una serie di dati relativi al comportamento di guida e al funzionamento del mezzo.

Una Black Box è resistente alla pressione e alle forti temperature, proprio per riuscire a conservare tutti i dati raccolti in caso di incidenti. Ecco alcuni esempi di quali dati possono essere registrati e come: una forte decelerazione sarà comunicata dal sistema ABS, oppure l’attivazione dei sistemi di sicurezza data dal sistema Airbag. La registrazione dell’incidente comprende ovviamente anche i dati sulla posizione del veicolo. In questo modo, se la Black Box è collegata ad un software particolare, i dati raccolti possono essere inviati in tempo reale, facilitando anche l’arrivo dei soccorsi.

Molti automobilisti e molte aziende che gestiscono intere flotte hanno installato una Black Box nel proprio veicolo. Le statistiche hanno constatato, tra coloro che hanno scelto i sensori GPS, una netta riduzione di incidenti alla guida.

Il sistema GPS è certamente un valore aggiunto per la sicurezza sulle strade. E’ consigliabile quindi rivolgersi a fornitori professionisti. King GPS Locator offre sensori GPS, sensori di temperatura, e molti altri prodotti per flotte aziendali, a prezzi davvero competitivi. La qualità dei sistemi firmati King GPS Locator rappresenta un’ulteriore garanzia di sicurezza per tutte le aziende che scelgono di farne uso. Per richiedere informazioni e servizi personalizzati, basta cliccare sull’apposita sezione del sito web.